Analisi Transazionale Gli Stati dell’IO: Genitore, Adulto e Bambino. Posso Cambiare?

Se stai legge questo articolo probabilmente hai già sentito parlare degli Stati dell’Io introdotti, come concetto sulla personalità, da Eric Berne – Nati per Vincere (testo di approfondimento)

Cerchiamo di ripercorrere brevemente e in modo semplice gli aspetti principali che caratterizzano uno dei concetti di base dell’Analisi Transazione, modello terapeutico che particolarmente mi affascina e che con piacere utilizzo per organizzare i miei interventi durante le sedute.

Gli Stati dell’Io rappresentano, in qualche misura, dei contenitori all’interno dei quali troviamo specifici modi di pensare, sentire ed agire sia con noi stessi (dialogo interno) che con altre persone (esperienza interpersonale).

Rappresentano, dunque, quei modi unici, proprio di ogni individuo, che consentono di avere un repertorio appreso specifico che ci orienta ogni volta abbiamo necessità di leggere l’ambiente che ci circonda.

Potrebbero essere paragonati ad una lente di ingrandimento che ci fa vedere bene dove ci dirigiamo, in che modo è opportuno agire o regire in una determinata situazione, cosa è lecito sentire, se possiamo fidarci della persona con cui abbiamo a che fare e ci danno degli indicatori su come possiamo trattare noi stessi.

Uno degli aspetti importanti è che le modalità relazioni sono apprese. Detto in altri termini ciò che penso, sento e faccio nella situazione X, è ciò che ho imparato funzionare mentre mi barcamenavo nella relazione con le persone che si prendevano cura di me quando ero piccolo.

Da adulto, quindi, tenderò a riproporre ciò che ho imparato e se, nella maggior parte dei casi, questo risulta essere efficace e funzionale, in altri casi può rivelarsi fonte di disagio, dolore, può essere sperimentato come un modo di stare in relazione che non frutta come vorrei.

Magari ti capita di capire perfettamente dove sbagli e ti sforzi di fare cose diverse, di pensarla in modi diversi, di reagire emotivamente in modo diverso ma, puntualmente, sei sconfitto dall’automatismo e pur provando e riprovando non riesci a cambiare le cose.

Ti sei mai chiesto perchè mentre lavori sembra andare tutto bene, mantieni buoni rapporti, non hai grandi problemi e quando stai in una relazione amorosa le cose sembrano non funzionare più? Eppure sei sempre lo stesso, ti comporti sempre nello stesso modo.

Read more

Autismo: l’intervento con Metodo ABA

Bisogna dire che le difficoltà ed i problemi vissuti dalle famiglie che hanno al loro interno un membro che presenta diagnosi di Autismo non si discostano notevolmente da alcune delle caratteristiche che accomunano molte disabilità. Vi sono infatti elementi che ricorrono in quasi tutte le disabilità e le storie familiari ad esse associate: smarrimento, paura, dubbi e incognite dovuti dalla situazione spesso poco chiara e a cui ancora oggi i servizi a disposizione danno una scarsa risposta sia in termini di progetti a supporto delle famiglie che a supporto delle persone con disabilità

La frustrazione che ne deriva e l’impotenza spesso percepita dai genitori incrementa uno stato di solitudine pervasivo e in molti casi la difficoltà ad inserirsi all’interno di una rete di condivisione con altre famiglie.

Un supporto efficacie (Parent Training) mira anche a promuovere tutte quelle risorse di cui la famiglia è portatrice in sé, Read more